Racconto 11 La teiera di Russel…


Esiste un Dio? In verità fino ad ora nessuno lo ha mai dimostrato, infatti non si può affermare con assoluta certezza né che esista né che non esista. E’ ovvio che i credenti non se la pongano proprio questa domanda,credono nell’ esistenza del proprio dio con un puro e semplice atto di fede ed è giusto che sia così, però insomma almeno una volta nella vita credo se la siano posti tutti questa domanda.

Vediamo un p0′ cosa ne pensa Russel:

La teiera di Russell, detta anche teiera celeste, è una metafora che  Russell ha ideato per confutare l’idea che spetti allo scettico screditare le affermazioni di non falsificabilità delle religioni.

In un articolo intitolato “Is There a God?” (“Esiste un Dio?”), commissionato (ma mai pubblicato) dal magazine Illustrated nel 1952, Scriveva Bertrand Russel:

« Se io sostenessi che tra la Terra e Marte c’è una teiera di porcellana in rivoluzione attorno al Sole su un’orbita ellittica, nessuno potrebbe contraddire la mia ipotesi, purché mi assicuri di aggiungere che la teiera è troppo piccola per essere rivelata, pure dal più potente dei nostri telescopi. Ma se io dicessi che – posto che la mia asserzione non può essere confutata – dubitarne sarebbe un’intollerabile presunzione da parte della ragione umana, si penserebbe con tutta ragione che sto dicendo fesserie. Se, invece, l’esistenza di una tale teiera venisse affermata in libri antichi, insegnata ogni domenica come la sacra verità ed instillata nelle menti dei bambini a scuola, l’esitazione nel credere alla sua esistenza diverrebbe un segno di eccentricità e porterebbe il dubbioso all’attenzione dello psichiatra in un’età illuminata o dell’Inquisitore in un tempo antecedente. »

Insomma diremmo che nessuno può contraddire ciò che nessuno può dimostrare!

E voi philosophy lovers cosa ne pensate??

Articolo pubblicato in data : mercoledì, luglio 21st, 2010

5 Commenti

  1. Nexso says:

    “Chi è il poeta? Colui che ama guardare l’abisso […] scoprire la radice invisibile di tutte le cose visibili. Che cosa è il poeta? L’inventore degli dei, il primo dio che dal fuoco dell’anima sente nascere la parola, la parola che dà nome alle cose e le crea.”

    ... on July luglio 22nd, 2010
  2. fede says:

    Sono pienamente d’accordo con te Nexso. Aggiungerei…
    La poesia è la porta dell’anima, il poeta è colui che possiede le chiavi dell’animo umano

    ... on July agosto 9th, 2010
  3. tiziano says:

    Grazie per avermi ricordato la gentile intelligenza di Russel.
    Ma il problema, ahinoi (o ahiloro), è più complesso, perché si può contraddire ciò che non si può dimostrare, basta opporre all’enunciato “la teiera esiste” l’enunciato “la teiera non esiste” e finirla lì, a meno che non vi siano prove che spostano l’argomentazione dall’affermazione alla dimostrazione. A questo punto la persona ragionevole si metterebbe in cerca di prove. Invece accade che il credente/adorante la teiera fa una giravolta intellettuale e dice: “non ho bisogno di prove, perché ho la fede. Amen, e te sei fregato perché non sai cosa replicare

    ... on July settembre 29th, 2010
  4. TIRESIA says:

    Il punto è: a che mi serve sapre di una teiera microscopica che nessuno può vedere? Cosa aggiunge alla mia vita? SApere ivece che c’è un Dio che mi conforta, che premia i miei sforzi, che mi aiuta, che mi consiglia e provare il conforto della fede nell’incontro con Lui… questo sì che mi cambia la vita.

    ... on July ottobre 25th, 2010
  5. tiziano says:

    questo commento m’era sfuggito, comunque credo che sia una trappola ironica di Tiresia, perché è impossibile che non abbia capito che la teiera è dio….
    Ma se Tiresia parla sul serio allora c’è da restare allibiti, perché si esprime come un qualsiasi ingenuo credente non come unn filosofo. Lo dico un pò brutalmente: aggiornati, val a leggere almeno Anselmo d’Aosta, roba da XI secolo

    ... on July novembre 28th, 2010

Post a Comment



*